Pilastri in BauBuche

Calcolabili in caso di incendio

#posts #baubuche #sustainability

Le misure dei pilastri in BauBuche possono essere dimensionate in modo che essi mantengano la loro portata anche in caso d’incendio. Tali dimensioni dipendono, oltre che dai carichi da assorbire, anche dalla durata di resistenza al fuoco a cui i componenti si devono conformare. In quanto a protezione antincendio i pilastri in BauBuche non temono il confronto nemmeno con quelli in cemento armato. Ecco qualche correlazione.

Ai fini della protezione antincendio occorre preservare la portata di un edificio, in caso di incendio, finché tutti gli occupanti riescono a uscire autonomamente o sono evacuati dai vigili del fuoco. Servono quindi tempi più o meno lunghi, a seconda della tipologia di edificio. Ad esempio da un capannone al piano terra è possibile uscire più rapidamente che non da un edificio a più piani; pertanto gli edifici e i relativi elementi portanti devono poter resistere agli incendi per tempi diversi.

Quindi per ottenere una finestra temporale adeguata a seconda della tipologia di edificio, i progettisti (della protezione antincendio) stabiliscono, con la cosiddetta durata di resistenza al fuoco, per quanti minuti un edificio e i relativi componenti portanti devono poter resistere a un incendio, di modo che durante tale lasso di tempo siano possibili la fuga o i soccorsi. In questo senso F60 significa ad esempio che, in caso di incendio, un edificio deve rimanere portante per 60 minuti prima che minacci di crollare.

Strato di carbonio protettivo assicura la necessaria resistenza al fuoco 

La portata dei componenti in legno in caso d'incendio può essere calcolata. Ai fini del calcolo occorre tener presente che nel corso di un incendio le superfici in legno carbonizzano e che, per un tempo determinato, lo strato di carbonio così formato protegge dal fuoco l’interno del componente, come una sorta di rivestimento isolante. Ciò ritarda la combustione della sezione del nucleo e ne preserva la portata fintanto che lo strato circostante brucia.

Tale processo porta ad ottenere, per quanto riguarda il soddisfacimento dei requisiti di protezione antincendio, il modello del dimensionamento a caldo: in tale modello la sezione (del nucleo) staticamente necessaria, che nel cosiddetto dimensionamento a freddo è determinata esclusivamente in riferimento ai carichi, è „maggiorata“ di uno strato in legno, che in caso d'incendio può bruciare e carbonizzare. In questo senso la durata di resistenza al fuoco desiderata determina lo spessore dello strato di legno. Questo può, a sua volta, essere calcolato in base al comportamento di combustione calcolato, ovvero alla velocità di combustione del legno. Per BauBuche questa è di 0,65 mm al minuto.

Così, ad esempio, per un edificio a telaio in legno con pilastri portanti in BauBuche con sezioni statiche, ovvero dimensionate a freddo, quadrate di 30 cm, conformi a F90, ovvero che devono resistere a un incendio per 90 minuti, per lo strato di rivestimento si ottiene uno spessore di (0,65 mm x 90 minuti) quasi 59 mm. Il dimensionamento a caldo, ossia basato sulla combustione, porterebbe quindi a ottenere per i pilastri una sezione quadrata di 30 cm e bilateralmente di 59 mm, ovvero misure arrotondate di 42 cm x 42 cm. In riferimento al dimensionamento a freddo i pilastri sarebbero pertanto sovradimensionati. Per contro è possibile prescindere da dispendiosi rivestimenti antincendio con pannelli in gesso e lasciare a vista la superficie in legno dei pilastri.

I pilastri in BauBuche offrono quindi a committenti, architetti e altri soggetti preposti a decidere la possibilità di scegliere una soluzione per costruzioni in legno con portata elevata e che può essere lasciata a vista, nonostante i requisiti antincendio elevati.

Pilastri in BauBuche e in cemento armato a confronto in termini di protezione antincendio

Interessante è altresì il confronto tra materiali. Infatti la portata di un pilastro in BauBuche dimensionato a caldo con lunghezza media di 3,05 m e sezioni a partire da 40 cm x 40 cm corrisponde, dopo un incendio attorno a tutta la sua sezione della durata di 90 minuti, a quella di un pilastro in cemento delle medesime dimensioni. Detto altrimenti: a partire da sezioni di 40 cm x 40 cm i pilastri in BauBuche dimensionati a caldo possono sostituire addirittura pilastri in cemento armato C50/60, che presentano una durata di resistenza al fuoco di 90 minuti, con le stesse dimensioni.

Ma i pilastri in BauBuche dimensionati a caldo possono sostituire anche sezioni in calcestruzzo più piccole da 30 cm x 30 cm o 35 cm x 35 cm. In questo caso la sezione di BauBuche è lievemente maggiore rispetto a quella del pilastro in cemento. Scegliendo invece un rivestimento dei pilastri con lastre antincendio, le sezioni possono essere ridotte alla misura staticamente necessaria (dimensionamento a freddo).

Per quanto riguarda i pilastri in BauBuche e protezione antincendio è quindi possibile intervenire su diversi aspetti. Ma soprattutto sono calcolabili.

Per maggiori informazioni sui pilastri in BauBuche si rimanda a: Pollmeier BauBuche - Chapter 16 - Posts.

Pilastri in BauBuche: calcolabili in caso di incendio

I pilastri in BauBuche sono in grado di soddisfare requisiti antincendio molto stringenti. Nemmeno l’F90 rappresenta un problema. È il comportamento di combustione del legno a renderlo possibile: lo strato di carbonio che si forma attorno al componente per effetto del fuoco protegge il nucleo portante. Il suo spessore può essere calcolato. Esso corrisponde alla durata di resistenza al fuoco e determina per quanto tempo un pilastro in BauBuche mantiene la sua portata in caso d'incendio.